Call center: +39 089 87 29 50 Travelmar on Facebook Travelmar on Instagram
IT EN

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita per ricevere in anteprima le nostre offerte speciali e le nostre news.

Agenzie

Hai dimenticato la password?

Non hai un Account? Registrati

Privati

Hai dimenticato la password?

Non hai un Account? Registrati

La ceramica vietrese: un’arte che racchiude tutti i colori della Costiera Amalfitana

mercoledì, 10 luglio 2019

È proprio vero, negli smalti e nelle decorazioni della ceramica vietrese si incontrano tutti i colori della stupenda Costiera Amalfitana! Azzurro cielo, verde acqua, giallo limone diventano tinte perfette per colorare le ceramiche più invidiate e famose del mondo  che si producono fin dal 1500

Piatti, bicchieri, tazzine, anfore, suppellettili e oggetti decorativi riempiono le case che si affacciano sulla Costiera Amalfitana mentre le maioliche e le riggiole, le caratteristiche piastrelle della zona, abbelliscono la città di Vietri sul Mare, incastonate lungo le sue strade: opere d’arte a cielo aperto! 

La ceramica vietrese ha acquisito, nel tempo, altre forme e rappresentazioni, diversificandosi in nuovi oggetti e aggiungendo tocchi cromatici grazie all’influenza di artigiani abruzzesi e irpini. Dopo Napoli e le zone limitrofe, nel 1700 la ceramica vietrese si espande ed arriva fino alla Sicilia. 

La stagione più fertile della ceramica vietrese è quella a cavallo tra le due guerre quando, agli inizi del Novecento, numerosi artisti tedeschi raggiungono Vietri e formano una vera e propria colonia impegnata nella lavorazione delle ceramiche. Pur rispettando la tradizione locale, questi artisti rinnovano gli stili e creano nuove forme e decorazioni, rilanciando Vietri nella sfera del gusto artistico europeo: Stüdemann, Kowaliska, Schwarz, Dölker. Quest’ultimo, in particolare, inserisce il ciucciariello (l’asino) nel repertorio iconografico, rendendolo il simbolo universale della ceramica di Vietri sul Mare. 

 

Successivamente, per migliorare la produzione delle ceramiche, si scelgono nuove tecniche e procedure ma l’utilizzo del tornio e il tratto sicuro del pennello rimangono invariati. Si continua ad offrire, così, un prodotto unico, riconoscibile per il suo particolare smalto “Vietri”, una miscela a base di stagno che assicura una straordinaria brillantezza e durata degli oggetti.

È possibile scoprire di più sulle meraviglie della ceramica vietrese visitando il Museo della Ceramica, all’interno di Villa Guariglia, a Vietri sul Mare che sarà presto anche raggiungibile #viamare con noi! 

 

Per tutti gli aggiornamenti, iscriviti alla nostra newsletter o consulta direttamente le nostre rotte e i nostri orari qui.

Buona navigazione!